Disturbi dell'umore

In generale sui Disturbi dell'umore

Questi quadri presentano come sintomo principale un'alterazione del tono dell'umore che può essere definito come il colore delle lenti attraverso cui guardiamo noi stessi, gli altri e il mondo. Il più diffuso di questi quadri (15% della popolazione) è la depressione in cui l'umore può essere rappresentato con le tonalità del grigio e del nero. Nei quadri bipolari invece l'umore può passare da periodi di scure tonalità (depressione) a periodi di tonalità eccessivamente vivide (mania/ipomania).  Come si manifestano e come si agisce

I sintomi più comuni nella depressione sono perlopiù di carattere psicologico: pessimismo (visione negativa di se, degli altri e del mondo), perdita di interesse e di piacere, diminuzione dell’interesse sessuale, irritabilità, difficoltà di memoria e di concentrazione, ansia e stato di allarme. I sintomi cardine degli episodi maniacali sono: loquacità insolita, aumento dell'attività lavorativa, sociale o sessuale, diminuito bisogno di sonno, eccessiva autostima, fuga delle idee (impressione che i pensieri si succedano velocemente).

Il trattamento dimostrato come più efficace è quello che integra la psicoterapia cognitivo-comportamentale con l'uso del farmaco antidepressivo o stabilizzatore dell'umore.